Spazi per bambini

640px-Child_friendly_xray_roomCi sono sempre stati gli spazi per bambini, nel senso che ogni cultura abbia compreso alcuni spazi per essere più adatti di altri per i bambini e le loro attività. Tuttavia, la pratica di fornire spazi appositamente costruiti esclusivamente per l’uso dei bambini si diffuse solo nel XIX secolo, coincidente con la concettualizzazione dell’infanzia come una fase speciale dell’esistenza umana. Mentre gran parte della letteratura storica ha interpretato la creazione di spazi centrata sul bambino come una manna per i giovani, gli studiosi dell’infanzia contemporanea hanno iniziato a lamentarsi di quello che i due sociologi tedeschi Helga e Hartmut Zeiher hanno chiamato il “islanding” dell’infanzia, la tendenza a isolare spazi bambini uno da altro, nonché da spazi utilizzati dagli adulti.

 

Spazio domestico

safety1st_2Nel corso della storia, la casa è stata l’istituzione più strettamente connessa con i bambini e l’infanzia. In generali, l’alloggiamento tipi sviluppati in Occidente assegnate donne e bambini a zone più privati e protetti di casa. Questi strati di protezione generalmente aumentati con la ricchezza della famiglia. Nella grande domus romana, ad esempio, l’area di peristilio più lontane dalla strada era riservata per la vita familiare, mentre l’atrio vicino alla parte anteriore della casa era per le funzioni più comuni. Molte famiglie romane, tuttavia, vivevano insieme in una camera case, illustrato da notevoli dimore walk-up, multi-famiglie, chiamate insulae, a Ostia, il porto di Roma.

I visitatori importanti (XVII secolo), Jan Brueghel il vecchio. Luoghi speciali non erano accantonati per i bambini in case europee occidentali prima del periodo moderno. Bambini e adulti hanno vissuto e lavorato insieme nelle zone comuni all’interno della casa. © .
Questo è in netto contrasto con i modelli relativamente fissi sviluppato in case a corte cinese. Nella cinese siheyuan, un recinto murato di quattro edifici intorno un quadrangolo con un asse nord-sud, la gerarchia della famiglia si riflette chiaramente nel piano rigido indipendentemente dalla classe sociale: l’edificio sud era per i dipendenti, gli edifici di due laterali erano per figli non sposati e sposato con figli con le famiglie, mentre l’edificio principale esposta a sud è stato occupato dai genitori.

La casa urbana islamica, d’altra parte, è stato diviso in due sezioni rigorosamente secondo il genere: il salamlik e il haramlik. Il salamlik era la parte pubblica della casa dove sono stati ricevuti i visitatori di sesso maschile e gli amici. L’haramlik, d’altra parte, era una zona appartata per donne e bambini. Nelle case più grandi ogni parte della casa incluso un cortile, mentre nelle case più piccole, la divisione era verticale, con donne e bambini sequestrati al piano superiore. Anche le finestre del haramlik minuziosamente studiate per impedire la visualizzazione all’interno di vicini di casa.

La casa urbana medievale in Europa occidentale non poteva vantare tali divisioni chiari. Non esistevano spazi speciali per donne e bambini; i bambini, tra cui giovani apprendisti, occupati ogni camera in queste dimore multiuso notevolmente sofisticate che ha ospitato il lavoro e la vita domestica. I giovani occuparono particolari spazi secondo l’ora del giorno (ad es., i bambini potrebbero giocare durante il giorno in una sala riservata per adulti di dormire di notte), piuttosto che attraverso una predeterminato divisione dello spazio di età.

Dalla rivoluzione industriale, lo sviluppo delle camere speciali per i bambini ha seguito il modello più grande degli spazi sempre più specifici per quanto riguarda la funzione. Camere speciali per i bambini è apparso in casa borghese circa 1830, progettato per proteggere i bambini dal mondo, nonché di proteggere il resto della casa vittoriana da bambini. Libri consigli generalmente ha proibito i bambini a entrare nelle stanze principali della casa, soprattutto il salotto buono, tranne quando accompagnati dai loro genitori. Conti in fiction e letteratura prescrittivo suggeriscono che spesso i bambini di epoca vittoriana

La scuola materna, spesso piena di giocattoli e mobili speciali dimensione bambino, è stato un appuntamento fisso nella casa vittoriana Borghese. I bambini giocato, mangiato i pasti e a volte dormiva in queste camere sotto la supervisione di servi o una tata, lontano dalle aree adulte della casa. © .
sono separatamente dai genitori, forse in cucina o in servitù. Il seggiolone, che è stato costruito appositamente da pranzo mobili, limitato i movimenti di un bambino e protetto gli altri arredi dal suo tocco.

La scuola materna è stata certamente una caratteristica significativa di palazzi settecenteschi e una caratteristica essenziale della casa vittoriana. Come impostazione di gioco, istruzione, e a volte dorme, il vivaio è stato frequentemente all’ultimo piano di una casa, con collegamenti diretti per la famiglie camere da letto o la cucina attraverso un corridoio speciale. Questa separazione spaziale dei bambini in casa borghese ha parallelizzato l’aumento di un servo di specialista, la tata, prendersi cura di loro. La rimozione dei bambini dalle camere migliori in casa potrebbe essere servito per alleviare l’ansia materna, ma esso

 
Image By Glitzy queen00 – Own work, CC BY-SA 3.0, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=38946034

Storia della carrozzina

La carrozzina, carrozzina per neonati e bambini piccoli, è principalmente un fenomeno occidentale e urbano sviluppatosi nel 1800s. Prima del 1800 bambini raramente sono stati trasportati all’esterno dell’abitazione. Quando il trasporto di neonati era necessario, essi erano swaddled abbigliamento o, tra le classi superiori, trasportate da bambinaie. Tra il 1650 e il 1800, alcuni esempi di carrelli per bambini, copie del carrello, o adulto equipage sono noti sia esistita nel aristocracy. Il famoso architetto inglese William Kent progettato presumibilmente una carrozzina abbondantemente decorata per i bambini del terzo duca di Devonshire nel 1733.

Doris_Turnbull_in_a_pram,_Nowgong,_Assam_1902I primi carrozzine normalmente erano fatte di vimini – non a differenza di una culla montata su ruote (spesso tre). Il bambino seduto in carrozza, ma in carrozzina la metà del 1800 sono stati alterati in modo che potevano essere spinto e non tirati e il bambino potrebbe sdraiarsi a dormire (-> https://www.babysbestes.de)

. Da 1860 attraverso 1870 uso della carrozzina era diffusa nelle famiglie borghesi in tutta Europa e America del Nord, come carrozzine e passeggiata carrozze è diventato status symbol. Nel 1920 la carrozzina è diventato comune in tutti i gruppi sociali. Madri single sono stati dati carrozzine da organizzazioni di beneficenza o istituzioni sociali.

La produzione di carrozzine presto coinvolto la collaborazione di un lavoratore di vimini, un fabbro e un tappezziere o sellaio, ma presto produzione carrozzina è stata superata dai costruttori di trasporto che si è specializzato nella fabbricazione di ruote complicati. Più tardi, carrozzine sono state prodotte in fabbriche particolare. Nel 1880 più carrozzine pieghevoli sono stati introdotti nel Stati Uniti, Germania, Danimarca e Olanda. Produttori in Inghilterra e Germania fatto una serie di miglioramenti per la carrozzina, comprese sospensioni, freni, gomme di gomma enorme e, dopo la seconda guerra mondiale, maniglie di plastica, fibra di vetro esterni e servosterzo.
640px-Baby_pramIl disegno generale di carrozzine è variato notevolmente nel corso degli anni, correndo la gamma dalla carrozza trainata da cavalli per automobili. Dal 1870 al 1920 carrozzine avevano ruote eccezionalmente alte, ma nel 1920 e anche più così nel 1930 il corpo della carrozzina è stato effettuato più profondo e le ruote più piccole, che ha reso la carrozzina più stabile e sicura. Allo stesso tempo il design è stato semplificato e reso più funzionale. Dopo la seconda guerra mondiale, la carrozzina, ispirata alla moda dell’automobile americano e inglese, ancora una volta era fatta superiore. Le date di sedia passeggino o push dal 1920, ma esso non è diventato molto diffuso fino al 1950 e 1960 a causa di una maggiore mobilità.

bergsteiger_capri

L’uso di carrozzine riflette cambiamenti culturali ampia materia di igiene, urbanizzazione, sviluppo sociale e modifica delle visualizzazioni di infanzia, genitorialità e di genere. Con l’introduzione della pavimentazione nelle aree urbane e suburbane nel mid-1800s, la carrozzina è diventato un pratico mezzo di trasporto. Ancora trasporto non era l’unico scopo per carrozzine, per la luce di 1880s e aria fresca sono stati considerati importanti nella professione d’infermiera e cura dei bambini piccoli, e raccomandato che tutti i genitori utilizzano carrozzine. Il benessere economico generale dopo la seconda guerra mondiale a disposizione carrozzine più famiglie della classe media, e si è sviluppata l’industria di carrozzina e passeggino. La carrozzina fornito sia donne – madri e bambinaie – con una maggiore mobilità. Essi furono liberati da casa e goduto di un più ampio raggio di azione.

Nel 1970, si è discusso sull’assistenza all’infanzia e vicinanza fisica, in particolare se i bambini piccoli sono meglio fuori dormire in una carrozzina o essere trasportati. Maggior parte dei bambini continuano a essere trasportati da loro madri, sorelle o altre persone nella famiglia o comunità e bambino imbracature sono comuni in Europa e negli Stati Uniti. Nei paesi occidentali una vasta gamma di carrozzine e passeggini per uso speciale sono apparsi negli ultimi anni come risultato le mutevoli esigenze dei genitori. Ad esempio, Pareggiatori del bambino progettati per uomini e donne consentono loro di prendersi cura dei loro figli e contemporaneamente mantenere la loro salute. L’industria di carrozzina ora è interessato con accessori – letti, altalene, passeggini, carrozzine delle bambole, seggioloni e altri mobili – corrispondente con la concezione del XXI secolo dell’infanzia e le varie possibilità materialistica in un mondo molto differenziato.